Stornelli molesi: Fior di limone (Fiore de lemaune).

Gli stornelli sono testi poetici molto semplici, spesso frutto di improvvisazione, accompagnati da una controparte musicale. Proprio per la loro natura ritmica e la semplicità di composizione, vantano una ricca produzione a livello popolare in tutta Italia.

Anche la letteratura popolare molese ha prodotto diversi stornelli, ma di questi il più famoso è sicuramente Fiore de lemaune, Fior di limone, irresistibile sia per ritmo sia per la sua lieve, colorata ironia di fondo. Protagonisti di questa schermaglia d’amore in rima sono, come tradizione vuole, un ragazzo e una fanciulla.

Fiore de Lemaune

e de lemaune

T’u geure davande a Degghie

nan t’abbandaune.

Fiore de genéstre

e de genéstre

a mamma mà nà me marete préste

pe nan se leuè u fiore da fenéstre.

Affacete alla fenéstre

facce de lèune

sé tanda berafatte e nà iè’ fertèune

sé tanda berafatte e nà iè’ fertèune.

M’affacce alla fenéstre

ie’ uarde u mere,

tutte le varche vaiche de navegheie

a varche du nenne me’ na vaiche angòre.

Ce t’u a dètte a taive

nan ténghe amande?

te pozze careche’,na neva granne

te pozze careche’, na neva granne.

Ce t’u a dètte a taive

nan ténghe u zeite?

tu viene a mezzanotte e vinue a veite

tu viene a mezzanotte e vinue a veite.

Fiore de marange

marangia rècce

u vogghie berefatte capèdde rècce

u vogghie berefatte capèdde rècce.

Fiore de lemaune

e de lemaune

t’u geure davande a Degghie nan t’abbandaune

t’u geure davande a Degghie nan t’abbandaune.

Traduzione: Fior di limone/te lo giuro davanti a Dio/non ti abbandono./Fior di ginestra/la mamma mia non mi marita presto/per non togliersi il fiore dalla finestra./Affacciati alla finestra/faccia di luna/sei tanto bella ma non hai fortuna./Mi affaccio alla finestra/e guardo sul mare/tutte le barche vedo navigare/la barca del mio bello non vedo ancora./Chi te lo ha detto/che io non ho una che mi ama?/Ti posso caricare una grossa nave./Chi te lo ha detto/che non ho il fidanzato?/Vieni verso mezzanotte e potrai vederlo./Fiore di arancia/arancia riccia/lo voglio bello e coi capelli ricci./Fior di limone/te lo giuro davanti a Dio/non ti abbandono).

(Testo e traduzione tratti da M. Calabrese, Mola di Bari. Colori suoni memorie di Puglia, Editori Laterza. Tutti i diritti riservati).

Annunci